Milan, clausola nel contratto di Pioli? I dettagli

Oggi dovrebbe essere il giorno ufficiale della firma del contratto che legherà Stefano Pioli al Milan. Dovrebbero essere sbrigate le ultime formalità, quindi l’annuncio ufficiale, l’accordo come anticipato ieri, avrà durata biennale.

Milan, Pioli per due anni, ma solo se…. Le ultimissime

La dirigenza rossonera avrebbe chiesto al tecnico parmigiano di risollevare il Milan, da una classifica finora deprimente nove punti in sette partite, mai così male dal 1997/1998. L’obbiettivo finale, sarà quantomeno la qualificazione alla prossima Europa League, nel caso questo non avvenisse, può scattare l’esonero immediato, a fine stagione. Questo ha tutta l’aria di clausola contrattuale vera e propria, chiamata : Gentleman agreement”, il Corriere della Sera, ne è certo. Intanto i tifosi a Milanello e sul web, non paiono molto felici dell’arrivo di Pioli, a loro dire, un tecnico di basso profilo. Intanto il tecnico ha dichiarato: “Sono molto felice, ma vi dirò tutto con calma, le primissime impressioni con la dirigenza sono buone”. Contestazione di fuoco sul web, ai danni delle figure più importanti, dell’organigramma rossonero. L’ex capitano Paolo Maldini, e Zvonimir Boban, nell’occhio del ciclone: “La pazienza è finita, società di buffoni, andatevene”.

Intanto, la Gazzetta dello sport, riporta gli strascichi che l’esonero di Marco Giampaolo ha lasciato nell’ambiente. L’esonero del tecnico italo – Svizzero, non sarebbe conseguenza soltanto per i finora scarsi risultati dei rossoneri. Mancanza di un rapporto di fiducia tra Boban e la guida tecnica, l’ex numero 10 milanista in queste ultime settimane, ha fatto di tutto per mettere Giampaolo alla porta, cercando di mettergli contro tutta la dirigenza. Essa però lo ha accusato di aver utilizzato i nuovi acquisti con il contagocce, di non aver dato alla squadra un’identità di gioco.

Il tecnico abruzzese si sarebbe, difeso: “Acquisti accettabili, ma non condivisi dal sottoscritto”. Gli addetti ai lavori si sono spaccati su chi è favorevole al cambio di panchina, e su chi avrebbe dato del tempo ulteriore all’ormai ex tecnico milanista.

Loading...

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *