Ferrero ha un grande sogno, ma rivedrà i piani?

Sportivamente odiato o meno, specie in questo momento, il presidente della Sampdoria, Massimo Ferrero, sembra proprio non volersi dare per vinto in tutti i sensi. Il rapporto con i tifosi è ormai lacerato, anzi non esiste più, ma il viperetta non molla e prosegue il suo compito da patron. Ha ancora progetti per la sua samp, specie dopo lo scacco matto dato a Gianluca Vialli, con la sua irremovibilità sul prezzo di cessione, 100 milioni di Euro, che hanno costretto l’ex numero 9 blucerchiato a ritirarsi dalla trattativa, dopo una querelle durata quattro mesi.

Samp, Ferrero vuole Gattuso a tutti i costi. Gli sviluppi

Dopo aver esonerato seppur a malincuore, lo stimatissimo Eusebio Di Francesco, il produttore cinematografico romano, deve guardarsi attorno, scegliendo un tecnico che dia la scossa, emotiva e mentale ai propri giocatori, che significa un cambiamento di rotta ad una classifica mai così disastrosa da vent’anni. Sei sconfitte in sette turni, difesa peggiore del campionato, con quattordici reti al passivo; Ferrero deve rialzarsi dopo essere stato sedotto e abbandonato da Stefano Pioli, che ha scelto il Milan. Il sogno del viperetta, da Giugno è solo uno: Gennaro Gattuso, è lui il tecnico grintoso e sanguigno, l’ideale per risollevare la Samp. “Ringhio” però, pur essendone lusingato dalla proposta, non crede nel progetto tecnico della “Doria”, ma Ferrero, fa della tenacia una sua virtù, lo vuole in panchina ad ogni costo, presentando al tecnico calabrese, l’ultima sua proposta. La risposta dell’ex bandiera e tecnico del Milan, non dovrebbe tardare ad arrivare.

Gattuso però, secondo quanto riporta Tuttomercatoweb, avrebbe dettato condizioni decise per accettare, di guidare la barca blucerchiata, verso mari meno agitati. Il secolo XIX notissimo quotidiano genovese, le riporta a chiare lettere; almeno due milioni e mezzo di euro a stagione, e l’ingaggio del suo affollato staff di collaboratori. In quel caso starebbe a Ferrero, rispondere in modo affermativo.

Loading...

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *